La “Collezione Borsari 1870” è un museo che ripercorre la storia dell’azienda Borsari, una delle eccellenze italiane nell’arte della profumerie, i cui prodotti sono famosi in tutto il Mondo.

violette

Fonte: www.vivaipriola.it

La storia dell’azienda fondata da Lodovico Borsari inizia attorno al 1870 nel Convento dell’Annunciata. In questo luogo, molti anni prima, Maria Luigia aveva chiesto ai frati di utilizzare le loro arti alchemiche per distillare in un profumo l’essenza delle violette di Parma, di cui lei amava circondarsi ovunque andasse. Per decenni i frati custodirono gelosamente la formula del profumo, fino a quando Lodovico Borsari, in visita al monastero, non riuscì a persuaderli a rivelargli il metodo segreto.

Utilizzando la formula ottenuta dai frati e rielaborandola cominciò a produrre, nella bottega in cui lavorava assieme al socio Dario Saccò, un’essenza chiamata “Violetta di Parma”, che riscosse uno straordinario successo tra le signore di Parma.

Fonte: www.fragrantica.com

Fonte: www.fragrantica.com

Nel 1897 decise di avviare un’attività industriale in proprio e di ampliare la gamma delle fragranze. Era nata l’industria “Borsari & Figli”, destinata a diventare in breve tempo un punto di riferimento assoluto dell’arte profumiera italiana.

Nel 1925 nasce la profumeria “Aurea”, o meglio “Alla Violetta di Parma”, una bottega in via Cavour preludio alla costruzione del complesso Borsari, fondato tre anni più tardi fuori porta Garibaldi. Nel 1934 l’azienda Borsari si trasferisce in via Trento, nella palazzina che tuttora ospita la collezione Borsari 1870, il “Primo Museo Italiano della Profumeria”, che dal 1990 apre le sue porte al pubblico.

Si tratta di un museo che raccoglie quasi 100 anni di storia aziendale, ma che racchiude al suo interno anche preziose testimonianze relative all’arte, alla grafica, al costume e ai profumi italiani dal 1870 al 1950. Lo spazio interno riflette nelle decorazioni parietali, nei pavimenti e nell’arredo il gusto che allaccia il Liberty al Decò, mentre tutti gli oggetti esposti nel museo, gli splendidi flaconi in vetro, le scatole, i manifesti, i calendarietti profumati, le cartoline, sono testimonianza dell’evoluzione del gusto e del design nell’arco dei decenni di attività.

Fonte: www.fragrantica.net

Fonte: www.fragrantica.net

L’azienda Borsari ha infatti da sempre dimostrato di conferire una particolare attenzione al packaging, al design e alla comunicazione: Borsari ebbe l’intuizione di avvalersi, nel corso degli anni, della collaborazione di designer e pittori di fama internazionale per lo studio delle confezioni, le linee dei flaconi e la comunicazione pubblicitaria.

Nel primo ciclo di produzione del profumo “Violetta di Parma”, ad esempio, i contenitori in vetro e in cristallo hanno linee e forme esclusive che interpretano l’evolversi dello stile dal Liberty all’Art Déco: i vetri sono finemente intagliati con fasce di satinatura che muovono il corpo del flacone ed esaltano il colore dell’essenza; i tappi sono in vetro molato, come naturale complemento del tutto. La confezione è accurata, con una pellicola di protezione attorno al collo e il filo d’oro a sigillo; l’etichetta di gusto floreale è preziosa e stampata in rilievo; la scatola ha una costruzione complessa che evidenzia le prospettive e la forma del flacone ed è obbligata con carte realizzate con le tecniche più sofisticate e stampate a più colori con una grafica d’avanguardia.

Fonte: www.miniatureperfumesociety.com

Fonte: www.miniatureperfumesociety.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA
The following two tabs change content below.
InfinitoDesign è una factory creativa italiana che sviluppa e produce tutto quanto è Progetto. Il nostro metodo di progettazione è Multidisciplinare. L'azienda riunisce creativi di diverse discipline del mondo del design, e unisce conoscenze e competenze diverse per realizzare prodotti unici e innovativi. Ideatrice del progetto e della comunicazione del brand Scorci di® Parma.

Ultimi post di InfinitoDesign (vedi tutti)